Visualizzato 881 volte

Pinot grigio

Il Pinot grigio è una mutazione genetica del pinot nero. Esso è un vitigno Alsaziano che ha prodotto ottimi risultati dopo l’impianto in Veneto ed in particolare in Friuli nel trentino e nell’Alto Adige. A differenza di ciò che accade in Francia, dove la vinificazione del pinot grigio prevede il costante contatto con le bucce al punto da conferire al vino il caratteristico colore ramato, in Italia, viene sovente vinificato in bianco per esaltarne il corredo di profumi fruttati e floreali.
Non ha particolare predisposizione a lunghi affinamenti.
Sotto il profilo ampelografico il pinot grigio ha grappolo piccolo, cilindrico, spesso con un’ala.
L’acino è piccolo ovoidale la cui buccia, grigio-rosa, è pruinosa.

PROPRIETA’ ORGANOLETTICHE

VISTA:

Di colore giallo paglierino, talvolta dal tono molto scarico e talora con riflessi dorati. Ciò, evidentemente, dipende dal tipo di vinificazione e dalla presenza o meno delle bucce. 

OLFATTO:

Al naso lievemente profumato, fruttato

GUSTO:

Asciutto, alcolico, morbido, fresco, armonico ed equilibrato. Se vinificato in ramato assume un sapore leggermente amarognolo.